Arriva l’estate! Almeno astronomicamente

Arriva l’estate! Almeno astronomicamente. Il 21 giugno, alle ore 12.07 si verifica il Solstizio d’Estate. La parola solstizio deriva da Sol (Sole) e Sistere (fermarsi), perché sembra che per alcuni giorni la nostra stella mantenga la stessa posizione nel cielo più a lungo del solito.

Il solstizio rappresenta l’attimo in cui il Sole raggiunge la sua massima altezza sia sull’orizzonte che in declinazione Nord +23° 27’. Ma i suoi effetti si fanno sentire per tutto il giorno e anche oltre. Vediamo i principali: nel nostro emisfero, abbiano la notte più corta e il giorno più lungo dell’anno. I raggi solari ci giungono con un angolo di inclinazione più acuto producendo un aumento di energia termica per unità di superficie; infatti in estate la Terra volge verso il Sole l’emisfero Nord. E questo nonostante la Terra sia più lontana dal Sole (prossima all’afelio, che si manifesta ai primi di luglio).

Come ci ha dimostrato l’astronomo Keplero, l’orbita della Terra è ellittica e un pianeta più è distante dalla sua stella più la sua velocità orbitale è minore e viceversa. Questo provoca anche un aumento della durata in giorni della stagione estiva rispetto a quella invernale. Nell’emisfero sud, gli effetti sono contrari: L’estate comincia il 21 dicembre, il Sole raggiunge il punto più basso in declinazione (-23°27’), ma il punto più alto sull’orizzonte per un osservatore nell’emisfero meridionale. E la durata in giorni dell’estate è minore perché la Terra si viene a trovare nella sua orbita più vicina al Sole (Il perielio viene raggiunto ai primi di gennaio).

Le date dei solstizi, come quelle degli equinozi, variano leggermente a causa della Precessione degli Equinozi, un fenomeno dovuto all’attrazione gravitazionale prodotto dal Sole e dalla Luna sul rigonfiamento equatoriale terrestre. Il risultato è un ritardo di circa sei ore all’anno che va ad azzerarsi ogni 4 anni (anno bisestile). Per questo motivo i solstizi variano dal 20 al 21 giugno e dicembre e gli equinozi dal 20 al 22 (a volte 23 per quello d’autunno) marzo e settembre.

Miro Bertinotti

Miro Bertinotti

Articolista & curatore della rubrica Karamelle Spaziali di Karamellenews.it