I Santi taumaturghi

In questi giorni così duri e pieni di sofferenze “non sappiamo più a che santo votarci”. Allora vediamo un po’ di non disperdere le nostre preghiere e di rivolgerci ai Santi giusti! Ci sono Santi cosiddetti taumaturghi che in sostanza sono coloro che si occupano di specifiche patologie e categorie di persone. Nella tradizione sono i più importanti, ma se poi analizziamo le tradizioni popolari vediamo che ogni regione ha il suo Santo particolare a cui rivolgersi.

I primi due di cui mi occupo oggi sono i Santi Costa e Damiano, protettori dei medici che oggi più che mai hanno bisogno del sostegno delle nostre preghiere. Ultimi di cinque fratelli, vissero, verso,la meta del terzo secolo nel patriarcato di Antiochia, morirono martirizzati sotto la persecuzione di Diocleziano.

Di famiglia benestante, il padre si era convertito al cristianesimo, ma fu ucciso durante una persecuzione e la madre si dedicò alla educazione dei figli. Terminati gli studi umanistici, si recarono in Grecia per approfondire la scienza sui testi di Galeno. Diventarono medici e curarono ogni persona con grande spirito Cristiano, senza prendere mai denaro tanto che furono detti anargiri – senza argento. Quando si trovavano davanti all’infermo, prima di procedere all’anamnesi, alla diagnosi e alla cura, si raccoglievano in preghiera.

 «Tutto il bene ci viene dal Signore. Uno solo è il vero Dio, e solo Lui – e non noi – sana la tua piaga, rende la luce ai tuoi occhi, spegne la febbre nelle tue vene. Noi non siamo che i suoi strumenti. In Lui devi avere fede e guarire». Questa frase è attribuita a Costa e Damiano, insieme a numerosi miracoli.

Il culto per i due Santi, passato dall’Oriente all’Europa, «si mantenne straordinariamente vivo fino a tutto il Rinascimento, dando luogo a un’iconografia tra le più ricche dell’Occidente, specie in Italia, Francia e Germania» (Maria Letizia Casanova). A più di mille anni dalla loro morte, si dà il nome di uno di loro a quello che poi i fiorentini chiameranno padre della patria: Cosimo de’ Medici il Vecchio. E la casata chiama a illustrare la vita dei due santi guaritori artisti come il Beato Angelico, Filippo Lippi e Sandro Botticelli. 1(Es. Pala di San Marco a Firenze).

Giovanna Turco

foto

Silva Bos

GIORNALISTA specializzata in Informazione Positiva - Direttore Responsabile di Karamellenews.it