La Dama (2°parte) e…il Tric Trac

Un altro antichissimo gioco, sempre citato accanto ai fratelli nobili Scacchi e Dama.

Eravamo rimasti (leggi: L’affascinante storia del gioco della Dama) alla fine dell’epoca romana. Per avere un’idea esatta di quando iniziò il gioco della dama propriamente detto, occorre analizzare numerosi documenti.

Nella biblioteca di Oxford è conservato un documento del XIV secolo dove in cui si menziona esattamente il gioco come “Jeu de Dame”; il poema che lo cita è la rielaborazione di una canzone dei cavalieri intitolata “Fierabras”. Nel testo francese del poema compaiono solo il gioco degli scacchi e il tric trac, mentre in quello inglese si cita anche il “Jeu de dame”. Uno studio più esaustivo ci porterebbe ad analizzare diversi documenti. Possiamo riassumere così: nell’XI secolo, il gioco appare nel sud della Francia da dove si diffonde prima in tutta la nazione, poi nel XIII e XIV secolo, nelle Fiandre e nell’Inghilterra.

Le regole di questo gioco sono mutate nel tempo e nei Paesi, ma il gioco, più raffinato ed intellettuale come gli scacchi, è sopravvissuto a quelli d’azzardo, molto più praticati tra il popolo.

Tric Trac

Veniamo ora ad un altro antichissimo gioco, sempre citato accanto ai fratelli nobili Scacchi e Dama. Cita l’enciclopedia Treccani: Backgammon. Gioco da tavolo noto anche come tavola reale o tric trac, in cui ciascun giocatore muove secondo il lancio di due dadi 15 pedine lungo 24 triangoli, divisi in 4 tavole. Scopo del gioco è riuscire a portare tutte le proprie pedine entro la parte opposta a quella di partenza.

Il Parini parla del tric trac nel Giorno: spiega il rumoroso gioco per consentire a due amanti che si dicessero l’animo loro senza che il marito geloso intendesse. Ma è Mercurio il messaggero degli dei, protettore, tra l’altro, dell’inganno, dei truffatori e dei bugiardi, che viene invocato perché inganni gli orecchi “d’un marito importuno”. E Mercurio prepara la “bipartita tavola” e da’ inizio al gioco così rumoroso che il marito è costretto a fuggire.

Giovanna Turco

Giovanna Turco

Articolista & curatrice della rubrica Karamella Folk di Karamellenews.it