La piuma

Dondolare leggeri come una piuma, lasciare che i pensieri dondolino a destra e a sinistra appoggiandosi lentamente e leggermente sul fondo.

Il vestito dei volatili è formato da piume. Noi con le piume ci copriamo, le usiamo nel cuscino, ci posiamo la testa sopra. I nostri sogni provengono da lì. Essere leggeri come una piuma non solo in senso corporeo ma soprattutto in quello mentale fa bene alla salute. Il peso del mondo non lo si deve sempre sentire sulle proprie spalle, non ci chiamiamo Sisifo, non dobbiamo trascinare tutti i giorni una grande pietra su per poi vederla rotolare giù e doverla riportare su, come ci spiega Albert Camus nel suo libro “Il mito di Sisifo“. … Come un sasso che rotola … lo canta già Bob Dylan, a cui hanno assegnato il premio Nobel della letteratura.

Sentirsi leggeri come una piuma quindi non è così pesante come sentirsi come un sasso o come se si avessero pietre pesanti dentro a sé stessi. La piuma non ci fa niente, ci trasporta e basta, ci riporta alla leggerezza dell‘essere, alla lentezza con cui dovremmo fare le cose. La piuma per gli egizi simboleggiava la verità attraverso Maat, la dea dell‘armonia, della giustizia e della verità. Infatti aveva una piuma di struzzo sulla testa.

Con le piume poi si scrive, la penna stilografica ha la forma di una piuma. A me piace scrivere, ma con leggerezza, lasciarmi trasportare dai miei pensieri dove vogliono andare loro, non dove voglio andare io. Non è importante seguire sempre un filo preciso, avere prima la causa e poi l‘effetto, forse tante volte è proprio all‘incontrario, forse tante volte c‘è prima l‘effetto e poi la causa. Chi lo sa.

Sara Krampl