Modificato dna direttamente nel corpo umano

Oakland (California). Modificare i geni del DNA direttamente dal corpo del paziente e in modo permanente, nell’obiettivo di sconfiggere malattie genetiche anche gravi. Questo è il tentativo realizzato a Oakland, in California dove un’equipe di medici ha applicato questo metodo rivoluzionario su Brian Madeux, un quarantaquattrenne affetto dalla sindrome di Hunter, una malattia metabolica rara che colpisce meno di 10 mila persone al mondo di cui la maggior parte dei malati muore in giovane età.

La sperimentazione è straordinaria poiché diversa dalla tecnica finora conosciuta come Crispr (taglia e incolla) del dna: questa volta si è adottata la ‘nucleasi delle dita di zinco’, forbici molecolari che cercano e tagliano il gene nel punto voluto. “Le istruzioni per intervenire sul Dna sono poste in un virus che viene alterato per non causare infezioni e per portare le informazioni dentro le cellule. Miliardi di copie di questo vengono iniettate in vena. Il virus viaggia fino al fegato, dove le cellule usano le istruzioni per costruire le “dita di zinco” e preparare il gene correttivo. Le dita tagliano il Dna, permettendo al nuovo gene di inserirsi. Questo poi fa sì che la cellula produca l’enzima che manca al paziente”.

Solo fra tre mesi si saprà se lo studio, che sarà testato su diverse malattie emofilia compresa, potrà davvero essere definito efficace nel campo della salute e delle nuove tecniche. Nel frattempo Madeux è convinto “Tutto questo spero aiuterà me e altre persone malate”.

Silva Bos

Silva Bos

Giornalista di Informazione Positiva - Direttore Responsabile di Karamellenews.it