Potere della lettura. Bambini leggono libri ai cani maltrattati

In un canile del Missouri è stata adottata una nuova tecnica per aiutare i cani che sono stati maltrattati e che di conseguenza sono molto diffidenti verso il genere umano. Il programma, denominato “Book buddies reading program“, si avvale di giovani volontari di età compresa fra i 6 e i 16 anni che leggono storie ai cani. Il  fine che si vuole raggiungere è quello di aiutare le bestiole con difficoltà comportamentali.

Sentire leggere dei bambini li rende  più docili e socievoli verso i visitatori che cercano un cucciolo da adottare. Questi animali, infatti, hanno subito un abbandono e sono molto spesso timidi e stressati. Tutto ciò può inibire i futuri padroni dall’adottarli in quanto hanno una forte difficoltà nel creare un  legame con la futura famiglia.

I bimbi coinvolti nel programma hanno partecipato ad un corso di 10 ore per capire il linguaggio corporeo dei cani. Dopodiché si siedono davanti al cane loro affidato e iniziano a leggere un libro ad alta voce. Si crea così un’interazione basata sulla voce  e sulla gestualità, evitando così  un contatto fisico forzato che è difficile da accettare per i cani che hanno subito maltrattamenti.

La lettura serve a calmarli e a creare un ambiente rilassato. Vengono solitamente lette storie di altri cani come per esempio Scooby Doo. La libreria di questo canile si è arricchita notevolmente negli ultimi anni grazie ad alcune donazioni.

Molti dei cani coinvolti in questo esperimento hanno gradualmente cominciato a ricostruire una relazione positiva con le persone e l’empatia che è nata con i bimbi li ha resi più “adottabili”. Il programma, oltre ad aver reso più docili i cani, ha influito positivamente anche sui bambini coinvolti.  Grazie a questo esperimento i bambini hanno migliorato il loro modo di relazionarsi con gli animali e di conseguenza anche con le persone.

Barbara Rossotto

Barbara Rossotto

Articolista e curatrice della rubrica "Animali d'Amare" di Karamellenews.it