#Sanremo2019 tra re Liga, contestato premio a Motta-Nada e ottimi ascolti

Come da promessa dell’organizzatore Claudio Baglioni, la quarta serata del Festival di #Sanremo2019 si è davvero dimostrata una serata evento con un Luciano Ligabue che, tra gag e coinvolgenti interpretazioni che hanno anche reso omaggio ad un pilastro del cantautorato italiano come Francesco Guccini, è entrato letteralmente da re con tanto di trono ed ermellino. E se il Liga nazionale ha inevitabilmente stregato sia il pubblico in sala che i telespettatori, così pare non sia stato per Motta e Nada che, dichiarato il miglior duetto della serata, ha ricevuto dal Governatore della Liguria Giovanni Toti il Premio Lanterna (simbolo di Genova e della Liguria intera). Un riconoscimento non proprio condiviso da tutto il teatro convinto che tale onore dovesse andare ad altri artisti ben più meritevoli. Esaltanto, tanto per fare un esempio, l’esibizione del violinista pugliese Alessandro Quarta che con Il Volo ha letteralmente stregato il pubblico.

Una serata che, proprio per la spettacolarità e la pluralità artistica, ha incollato davanti alla tv ben 9 milioni 552 mila ascoltatori, con uno share del 46.1%. In termini di ascolto, il risultato fa registrare oltre centomila spettatori in più rispetto alla seconda serata. La prima parte, in onda dalle 21,24 alle 23,39, ha avuto 11 milioni 170 mila spettatori e uno share del 45.5%; la seconda parte – dalle 23,43 alle 00,51 – è stata seguita da 6 milioni 215 mila spettatori con uno share del 48.6%. Claudio Baglioni da direttore-conduttore a dirottatore fino ad oggi che i vertici Rai lo hanno denominato l’affrescatore di un Sanremo#2019 poichè ha sapientemente saputo dipingere con l’arte musicale e non solo, attraverso una panoramica ampia e variegata, che insieme hanno fatto ‘armonia’ (obiettivo voluto e centrato).

Silva Bos

Silva Bos

Giornalista di Informazione Positiva - Direttore Responsabile di Karamellenews.it