Sentimenti ed emozioni

Le emozioni sono importanti perchè ci aprono al mondo, agli altri esseri umani e a noi stessi.

Che bello sperimentare i propri sentimenti! In fin dei conti anche le emozioni brutte e dolenti non durano a lungo e neanche quelle belle e soddisfacenti. Così molte volte soffriamo per i nostri sbalzi d‘umore, che un giorno ci fanno sentire bene e un altro male.

Osservandoci bene, però, possiamo consolarci del fatto che niente dura per sempre. Dal punto di vista politico-sociale l‘autrice del libro “L‘intelligenza delle emozioni”, Martha Nussbaum, spiega i motivi per molte decisioni politiche prese non ragionando oggettivamente ma proprio soggettivamente prendendo sul serio le proprie emozioni.

Le emozioni sono molto importanti, poichè stanno alla base di tutte le nostre decisioni. Una persona non prenderebbe mai una decisione contro sè stesso, tutto quello che si fa, lo si fa sperando di sentirsi bene o meglio.

Le emozioni stanno anche alla base della „risonanza“, come esamina il sociologo Hartmut Rosa nel suo libro “Pedagogia della risonanza”. La risonanza è la capacità di comunicare interiormente con l‘altro, di provocare una risposta a una domanda ma in modo empatico. Non è possibile essere risonanti senza emozione e sentimento, senza empatia. Controllando tutto con la ragione e ponendo nei legami profondi e meno profondi soltanto la ragione, il mondo diventerà freddo e le persone si sentiranno distanziate da sè stesse. Per questo le emozioni, anche catapultandoci talvolta in un buio incomprensibile, sono molto importanti per noi esseri umani. Piangere e ridere sono due aperture verso il mondo e verso noi stessi. Senza emozioni ci si sente morti dentro e fuori. Conoscendo le nostre emozioni sempre meglio, sarà più facile per noi conoscere gli altri, aprirci verso gli altri e forse perdonarli e soprattutto perdonare noi stessi. Attraverso il perdono ci si può ricollegare al prossimo.

Sarah Krampl