Una rete per evitare la dispersione scolastica

RelAzioni a catena – Comunità educante in movimento si chiama il progetto di sostegno scolastico che da marzo l’oratorio di San Giorgio Martire di Acilia (Roma) ha attivato con la scuola media Giuseppe Tuccimei.

Un’iniziativa che non prevede lezioni private ma aiuto nello svolgimento dei compiti e nella preparazione delle lezioni a piccoli gruppi suddivisi secondo le classi frequentate e il livello di preparazione. La proposta cerca però di coniugare lo studio col divertimento: vengono infatti impartite anche corsi di judo e di ping pong.

Come si legge nella scheda progettuale, l’obiettivo «è creare una ‘comunità educante’ composta da insegnanti, studenti, famiglie e organizzazioni radicate sul territorio, con azioni diversificate ma legate tra loro dal fil rouge del contrasto alla dispersione scolastica. Delegare l’educazione alle istituzioni non basta, pertanto ogni partner è chiamato a svolgere le proprie attività in un’ottica volta a favorire e indurre il cambiamento. Imparare significa evolvere e il processo di apprendimento coinvolge tutti i partecipanti, anche gli operatori e gli educatori».